Sveglia sveglia!

tempo di lettura 3 minuti

Ho ancora sonno. E non ho neanche studiato ieri sera, perché ho ricevuto una telefonata dagli USA che mi ha maldisposta. Stamattina non ha nemmeno funzionato la mia sveglia interiore. Io infatti regolarmente non uso la sveglia, la sera prima di addormentarmi guardo l’ora, mi concentro un attimo sull’ora desiderata del risveglio, e mi sveglio all’ora stabilita. Quando metto la sveglia, perché magari ho un treno o una cosa molto importante da fare e voglio essere proprio sicura di svegliarmi, mi sveglio sempre 2 minuti prima, giusta in tempo per disattivare la sveglia. Quante volte ho scritto “sveglia”? Non ho voglia di pensare ai sinonimi…portate pazienza.
Stamattina comunque non ha funzionato. Ho aperto gli occhi alle 8.15 e dovevo essere in ufficio alle 8.30.
Avrò gli ingranaggi arrugginiti.
Mi è stato chiesto di scrivere più spesso cosa mangio e cosa faccio nel dettaglio, avete ragione, in fondo questo è il blog di una crudista e c’è da capire come caspita sopravvive una crudista nel mondo moderno.
In questi giorni sento che non digerisco benissimo le insalate. Credo sia colpa del fatto che, come dicevo, sono esagerate e non impiego il tempo necessario per masticare a dovere. E’ sempre stato il mio problema con la verdura cruda, la mastico poco. Probabilmente è perché la verdura io l’ho sempre odiata. Si, dico sul serio.
Da piccola, mia madre diventava pazza per farmela mandare giù. Poi il destino ha voluto che diventassi vegetariana, e poi vegan crudista, e i miei gusti sono cambiati moltissimo. Tuttavia ci sono ancora tante verdure che odio, e che semplicemente evito di mangiare (non parlatemi di sedano, finocchi, e anche le carote le tollero poco). Le altre, per abitudine, nonostante ora mi piacciano, probabilmente continuo a mandarle giù il prima possibile come facevo un tempo per non sentirne il sapore. E’ un vizio che devo modificare perché sento davvero che non sto bene. Con la frutta non mi capita, perché la frutta l’ho sempre adorata.
Comunque trovo interessante il fatto che i nostri gusti possano davvero cambiare. Io ne sono la prova. Mangio cose che un tempo nemmeno avrei guardato, e non guardo più cose che un tempo amavo. Dopotutto, i gusti si acquisiscono soprattutto con l’abitudine, pensiamo ad alimenti assolutamente sgradevoli per un palato vergine, come il caffè o i superalcolici. E’ solo continuando ad assumere queste sostanze che alla fine ci diventano gradevoli, o semplicemente ne diventiamo assuefatti. Però dopo 33 anni ancora non riesco ancora a farmi piacere i ravanelli…

Cosa ho mangiato ieri:
– mele e uvetta a colazione
– banana e kiwi a metà mattina
– insalata un po’ meno mostruosa di ieri a pranzo: spinaci, lattuga, pomodori, avocado, germogli di porro, olive, peperone + crackers di semi di lino + 2 datteri medjoul
– banana e kiwi a metà pomeriggio, barretta di frutta
– insalata di avocado, pomodoro, germogli di broccolo, semi di zucca a cena + banana e crema di cocco al cioccolato
Movimento:
– 40 minuti di bici andata/ritorno dal lavoro
– 90 minuti di aerobica, allenamento intenso tipo marines

Spread the love