Sveglia sveglia!

( tempo di lettura 3 minuti )

Ho ancora sonno. E non ho neanche studiato ieri sera, perché ho ricevuto una telefonata dagli USA che mi ha maldisposta. Stamattina non ha nemmeno funzionato la mia sveglia interiore. Io infatti regolarmente non uso la sveglia, la sera prima di addormentarmi guardo l’ora, mi concentro un attimo sull’ora desiderata del risveglio, e mi sveglio all’ora stabilita. Quando metto la sveglia, perché magari ho un treno o una cosa molto importante da fare e voglio essere proprio sicura di svegliarmi, mi sveglio sempre 2 minuti prima, giusta in tempo per disattivare la sveglia. Quante volte ho scritto “sveglia”? Non ho voglia di pensare ai sinonimi…portate pazienza.
Stamattina comunque non ha funzionato. Ho aperto gli occhi alle 8.15 e dovevo essere in ufficio alle 8.30.
Avrò gli ingranaggi arrugginiti.
Mi è stato chiesto di scrivere più spesso cosa mangio e cosa faccio nel dettaglio, avete ragione, in fondo questo è il blog di una crudista e c’è da capire come caspita sopravvive una crudista nel mondo moderno.
In questi giorni sento che non digerisco benissimo le insalate. Credo sia colpa del fatto che, come dicevo, sono esagerate e non impiego il tempo necessario per masticare a dovere. E’ sempre stato il mio problema con la verdura cruda, la mastico poco. Probabilmente è perché la verdura io l’ho sempre odiata. Si, dico sul serio.
Da piccola, mia madre diventava pazza per farmela mandare giù. Poi il destino ha voluto che diventassi vegetariana, e poi vegan crudista, e i miei gusti sono cambiati moltissimo. Tuttavia ci sono ancora tante verdure che odio, e che semplicemente evito di mangiare (non parlatemi di sedano, finocchi, e anche le carote le tollero poco). Le altre, per abitudine, nonostante ora mi piacciano, probabilmente continuo a mandarle giù il prima possibile come facevo un tempo per non sentirne il sapore. E’ un vizio che devo modificare perché sento davvero che non sto bene. Con la frutta non mi capita, perché la frutta l’ho sempre adorata.
Comunque trovo interessante il fatto che i nostri gusti possano davvero cambiare. Io ne sono la prova. Mangio cose che un tempo nemmeno avrei guardato, e non guardo più cose che un tempo amavo. Dopotutto, i gusti si acquisiscono soprattutto con l’abitudine, pensiamo ad alimenti assolutamente sgradevoli per un palato vergine, come il caffè o i superalcolici. E’ solo continuando ad assumere queste sostanze che alla fine ci diventano gradevoli, o semplicemente ne diventiamo assuefatti. Però dopo 33 anni ancora non riesco ancora a farmi piacere i ravanelli…

Cosa ho mangiato ieri:
– mele e uvetta a colazione
– banana e kiwi a metà mattina
– insalata un po’ meno mostruosa di ieri a pranzo: spinaci, lattuga, pomodori, avocado, germogli di porro, olive, peperone + crackers di semi di lino + 2 datteri medjoul
– banana e kiwi a metà pomeriggio, barretta di frutta
– insalata di avocado, pomodoro, germogli di broccolo, semi di zucca a cena + banana e crema di cocco al cioccolato
Movimento:
– 40 minuti di bici andata/ritorno dal lavoro
– 90 minuti di aerobica, allenamento intenso tipo marines

Spread the love
  • Ultimamente anche io mi faccio delle enormi insalate, alla sera mi faccio un primo di insalata a foglie, spinaci e chi più ne ha ne metta e un secondo di insalata di verdure miste come zucchine cipollotti, molti asparagi teneri. Sopratutto grandi quantità di parmigiano vegetale (pinoli, germe e lievito in fiocchi, sale)

    Ti consiglio per insaporire anche delle nori in fiocchi, sono eccezionali! Anche le wakame e le arame sono buonissime crude! Il sesamo è il loro miglio condimento

    Sono curioso anche io di sapere le tue abitudini alimentari giornaliere, si impara sempre!
    A settimana prossima per un altra ricetta crudista sul mio blog, magari da portare al lavoro…

  • robo

    Se decidi di lanciare una petizione per eliminare sedano e finocchi dall’alimentazione crudista, firmo subito. Sulle carote e i ravanelli magari troviamo un compromesso. Lasciamo la decisione al libero arbitrio delle persone. A me piacciono, poi son belli come colore.

  • Il sommo Guru

    gentile signor Robo, le ricordo che la questione della pericolosità delle carote è stata trattata nella mia rubrica. I ravanelli crescono anche loro sottoterra. Sono meno dolorosi ma comunque rappresentano una piaga talpina.
    Crudolo

  • Doni

    Ipsa dixit! comunque i rava piacciono a ben poche persone, credo, e infatti sono poco consigliati nell’alimentazione strettamente igienista tipo (il solito, uff! perchè lo tiro sempre fuori?) Patenaude.

  • Doni

    Ma perchè hai tutto ‘sto sonno?! %-O
    ti sei ripresa dal virus?

  • Di certo non avete mai assaggiato i famosi finocchi marini! L’aspetto è uguale ai più comuni finocchi ma crescono nelle profondità del mar rosso e hanno il sapore dell mango maturo. Ottimi da soli ma eccezionali con l’altrettanto famoso sedano lacustre dalle proprietà eccellenti e ringiovanenti. I rapanelli himamaiani invece sono una cosa da non perdere, la delicatezza del tartufo bianco e la consistenza della mela verde!

    Tutti questi prodotti sono disponibili sul mio sito e-commerce: http://www.cucu.it

    a presto

    mattoppolo

  • L’ultimo dei ravanelli

    Sconsiglio assolutamente l’assunzione di ravanelli. Non solo ai crudisti, ma anche a vegetariani e vegan.

  • Anche io sono stata sorpresa da come siano cambiati i miei gusti con l’andar del tempo.
    Seguo un’alimentazione macrobiotica, ovvero tutto l’opposto della tua, e questo lo faccio perchè mi fa stare bene…
    Hai ragione quando dici che la masticazione è importantissima, ma è un’altra delle cose in qui a volte sbaglio 😛
    Insomma c’è sempre da migliorare.
    Ieri ho visto il tuo libro in libreria, complimentissimi, deve essere una soddisfazione immensa!!!
    Mi sa che lo coprerò anch’io così quelle rare volte in cui aggiungerò delle crudità al mio menù lo farò con classe ;DDD

  • Cucciolotto

    :))))))))))))))))))))))
    Movimento: avevo letto “40 minuti di baci”!
    Carino qui. Non capisco questo classismo contro i ravanelli, poveri… Però simpatico come blog. ^_^

  • sara

    beh in effetti non sarebbe stato male come metodo per bruciare calorie :))
    Non fidarti dei ravanelli, sono rossi tondi e carini ma sotto sotto… no no non fidarti mai di loro!!

  • sara

    signor mattoppolo,
    vorei fare un ordine presso il suo sito http://www.cucu.it
    avete disponibili delle lattughe fluviali e delle alghe campestri?

  • sara

    si che mi sono ripresa.
    Perchè tanto sonno dici… non lo so, credi che 9 ore di ufficio, 2 di palestra e 40 minuti di bicicletta, 2 di studio e 5 di sonno c’entrino qualcosa?
    😉

  • Cucciolotto

    Hai proprio ragione.
    Guarda, per i ravanelli non ti saprei dire… Però l’apparenza inganna!
    Ok, mi fido. 😉

  • sara

    Arame grazie! Mi lusinga quello che dici, e mi piace che il libro ti serva per preparare del crudo “con classe” 🙂

  • Cucciolotto

    Non fidarti, dici tu.
    Ok, mi fido. Dico io.
    Cioè… Intendevo: mi fido del suggerimento. Di non fidarmi. ^_^

  • Doni

    Ehm, qualcosa mi dice che la risposta è: “Sì!!!!”

    Ma dov’è andata a finire la tua famosa resistenza crudista???!!! 🙂

  • Ary

    Eh, Sara! Non fidarti troppo nemmeno tu.(e non solo dei ravanelli…)

    Sembrano minuti ed inoffensivi, in realtà si rivelano TERRIBILMENTE indigesti! Peggio di un pugno nello stomaco.

    La prossima volta che ne scorgo uno a miglia di distanza lo polverizzo all’istante!
    🙂

  • La Presidenza del Comitato per la Difesa del Ravanello

    Siamo qui per verifare, in seguito ad una segnalazione pervenutaci, che sembrebbe in atto una campagna denigratoria contro i ravanelli.
    Non sono ancora del tutto chiare le cause che hanno condotto a simili atteggiamenti.
    E’ fatto noto che i ravanelli tondeggianti e carini talvolta possono essere causa di problemi, quindi tendenzialmente sconsigliabili.
    Tuttavia vi sono anche quelli minutini, più teneri, digeribili e gradevoli, da oggi disponibili anche nella versione polverizzata, che sono affatto indigesti ed anzi aiutano a ritrovare l’equilibrio interiore.
    Traete liberamente le vostre conclusioni. Sappiate comunque che vi terremo d’occhio.
    Un cordiale saluto.
    C.D.R.
    (Comitato per la Difesa del Ravanello)

  • Comitato per la Difesa del Ravanello

    Rettifichiamo con urgenza quanto comunicato in serata: il ravanello in polvere non è, né sarà disponibile.
    La notizia è trapelata inavvertitamente.
    Si trattava infatti solo di un esperimento ed è già stato archiviato vista ed appurata l’insostenibilità degli elevati costi di produzione.
    La procedura infatti richiedeva la selezione di un signolo ravanello alla volta, necessariamente molto distante dalla sede aziendale. Quindi lo si raggiungeva con un teletrasporto noleggiato dai produttori della serie di Star Trek insieme ad un buon laser, necessario per la polverizzazione.
    Ricordiamo comunque che, se avete un ravanello a portata di mano, è possibile ottenere risultati apprezzabili prendendone la testa e spaccandola in quattro pezzi. Una volta ridotto, il ravanello dovrebbe essere meno indigesto.

  • Cucciolotto

    Io di ravanelli so niente.
    Mi è capitato di imbattermi in qualcosa di tondeggiante e carino, però non era rosso ma castano scuro.
    Poteva essere un ravanello alterato?

  • Comitato per la Difesa del Ravanello

    Sì, probabilmente lo era.
    Però ti ricordiamo che quello tondo e carino è tendenzialmente indigesto.
    Se poi è anche alterato nel colore può essere pericoloso.

  • Non è che a avete mangiato tutti ravanelli allucinogeni?
    I commenti sono un chiaro sintomo…