News

tempo di lettura 3 minuti

Niente corso di cucina crudista in Belgio questo weekend.
Al povero Kristof è morta la nonna…giustamente non se l’è sentita di tenere il corso domenica, considerando poi che il funerale sarebbe stato il giorno dopo. Io sposterò il mio finesettimana belga ad altra data che ancora non ho deciso, ora vedremo se c’è la possibilità di riproporre il corso altrimenti si andrà a settembre. Intanto mando un abbraccio fortissimo al mio amico.

In questi giorni sono davvero molto impegnata, mi scuso con tutti quelli che stanno ancora aspettando una risposta alle email, forse riuscirò a portarmi avanti nel weekend che mi si è appena liberato. Al lavoro le cose sono frenetiche, oggi sono stata sempre in giro tra riunioni e conferenze stampa, poi la palestra (ho un male al sedere allucinante, stasera è stato il massacro del gluteo…) e poi devo studiare, e in più ho anche delle traduzioni da fare in inglese anche un po’ difficili, almeno per me.
Come tradurreste voi la parola “curazia”? Io nemmeno la conoscevo in italiano questa parola… Meno male che ho un amico eruditissimo che è riuscito ad aiutarmi (ma nemmeno lui conosce la parola curazia).
E che domani sera mi ha invitata a cena a base di avocado e champagne.
E come rifiutare?

Ah, per chi si chiede cosa sia la crema di cocco al cioccolato che ogni tanto nomino, vi informo che è una libidine pazzesca, in pratica una versione crudista della nutella. La vedete nella foto qui sotto.
Me l’ha mandata in regalo Jeff, il mio amico cioccolatiere californiano, e non sono riuscita a farmi dire come l’ha fatta. La base è comunque burro di cocco bio e purissimo, con l’aggiunta di polvere di cacao cruda e succo di agave crudo. Ma le percentuali non le so. Il dramma (o la fortuna) è che tra poco l’ho finita anche perchè mio fratello non me la risparmia quando viene a trovarmi. Credo che implorerò Jeff di mandarmene ancora.
Anzi… forse, ma forse, Jeff verrà a trovarmi, e se verrà abbiamo già concordato che faremo assieme un corso di cucina crudista tutto dedicato al cioccolato.
Se capiterà, sarà di sicuro un evento!

Cosa ho mangiato oggi:
mele a colazione (non ne posso più però)
insalata di lattuga, pomodorini, avocado a pranzo (non ho fatto a tempo a portarmi le cose da casa e mi sono dovuta accontentare di ciò che offriva il supermercato)
2 banane e mezzo ananas a merenda
1 barretta di frutta secca dopo la palestra

(ho assaggiato una fragola della mia collega. pareva di mangiare un cetriolo. Non sono riuscita a mangiare una fragola decente quest’anno, e parlo di fragole bio. Anzi, sbaglio io o la frutta è sempre più insulsa?)

Movimento:
2 ore di palestra – 1 ora moderata e 1 ora intensa
40 minuti di bicicletta

Spread the love