Missvanilla e la macrobiotica

tempo di lettura 4 minuti

Ebbene, ieri ho partecipato per lavoro ad un corso di macrobiotica. Si è trattato di un corso teorico sui principi base della macrobiotica con un assaggio finale di alcune preparazioni.

Io che vado ad un corso di macrobiotica è curioso vero?

Il crudismo sta alla macrobiotica come il mio gatto sta al concetto di calma e tranquillità: non ci sono punti in comune. O perlomeno questo è quello che ho sempre pensato. Alcuni punti in comune ci sono in effetti.

Macrobiotica e crudismo sono vegan, anche se ci sono crudisti e macrobiotici che mangiano anche animali.  Sono due stili di vita altamente depurativi e capaci di far guarire da molte patologie causate dal cosiddetto benessere.  Non sono semplicemente due diete ma due stili di vita veri e propri. Portano le persone ad avere una cura ed un rispetto particolare per il proprio cibo. Danno la preferenza agli alimenti nel loro stato integro, eliminando tutto ciò che è innaturale, elaborato, processato, adulterato. Permettono, quindi, di entrare intimamente a contatto con le energie e le proprietà degli alimenti consumati.

Quello che ho imparato però è che esistono anche interpretazioni diverse della macrobiotica, che a volte si allontanano dal purismo assoluto e guardano di più il lato pratico, o che si adattano alle tradizioni culinarie dei luoghi in cui viene applicata.

Esistono anche interpretazioni diverse del crudismo: può essere più o meno elaborato, possiamo incontrare crudisti che addirittura non mangiano mai insalata ma solo cibi elaborati nel proprio essiccatore (versione non raccomandabile da Missvanilla!!) o crudisti che non ammettono nemmeno l’uso del coltello per tagliare la frutta perchè nessuna lavorazione deve essere inflitta al proprio cibo. Tuttavia un macrobiotico guarderà con orrore la mia alimentazione cruda, specie in inverno, perchè dal suo punto di vista è altamente Yin, ovvero raffreddante, e spesso ricca di cibi esotici e anche fuori stagione.

E’ un punto valido che mi ha fatto riflettere.  Anche se non amo e non concordo con la complessità macrobiotica della continua ricerca dell’equilibrio Yin e Yang ci sono comunque degli aspetti interessanti che sarebbe bello applicare non solo nell’alimentazione ma in tanti altri aspetti. Concordo sulla necessità di rimanere il più possibile legati alla stagionalità e alla provenienza dei cibi, ma come può fare un crudista d’inverno? I problemi invernali iniziano quando finiscono i cachi e a quel punto la faccenda si fa dura, perchè tocca sopravvivere con mele, pere, arance e kiwi.  Per concentrare un poco le energie e mangiare un pò più Yang mi vengono in mente insalate di verdure invernali, come radicchi, finocchi, carote, zucca, rape, broccoli e cavolfiori, verse e cappucci…. condite con frutta secca come le noci e spezie. Si tratta di verdure invernali, ma le radici che crescono sottoterra hanno energia Yang e dovrebbero aiutare, e anche le spezie.

Per colazione a me piace molto frullare delle mele e pere con prugne secche e tanta cannella, che scalda. E poi si può usare l’essiccatore o il termosifone per fare biscotti e altri cibi un poco più densi. Se c’è qualche macrobiotico che mi legge, mi dia qualche altra idea, o mi corregga se sto scrivendo cavolate! Comunque, se proprio l’inverno è insopportabile, non credo che qualche zuppa di verdura e qualche tazza di tisana siano la fine del mondo. Un’altra idea interessante sono le verdure fermentate e pressate (che poi sono gli insalatini macrobiotici), molte ricette gustosissime le trovate sul mio forum a Promiseland. Non sono certa di riuscire a non comperare più banane, che sono l’unico frutto esotico che mi concedo…ci proverò e osserverò l’effetto sulla mia energia.

Ieri dopo il corso ho assaggiato tutte le preparazioni che la nostra relatrice aveva preparato per noi, ero molto curiosa. Ho mangiato della zuppa di miso, delle tartine con crema di Hiziki, un kanten di mandorla e uno di mirtillo, e dei biscotti. Era tutto delizioso ed ha avuto un effetto interessante su di me: mi ha fatto sentire molto sazia, ma ho avuto meno energia del solito, anche se piacevolmente tranquilla…o forse un poco addormentata?

Spread the love

Navigazione articolo