Menù crudista del 29 maggio

( tempo di lettura 1 minuti )

Mi è stato chiesto di scrivere precisamente cosa mangio quotidianamente, così chi mi legge può avere una idea di una giornata tipo crudista.

Ebbene, inizio oggi e continuerò per qualche giorno (per sempre no, perchè so che poi mi stancherò :-)) a rendervi partecipi dei miei straordinari menù 😀

Finora ho mangiato:

  • 1 frullato gigante a colazione (circa 700 ml) fatto con 2 banane, fragole e succo di agave dato che le fragole non sapevano di nulla.
  • 1 grappolo di uva, 500 gr di ciliegie e 3 banane a pranzo. Sto meditando se mangiare anche mezzo melone prima di tornare a lavorare….uhmmm…mi sa di sì.
  • lo sanno tutti che il melone va sempre mangiato da solo, semmai PRIMA di altra frutta. Avendo io fatto l’inverso, non si sa perchè, mi son trovata a passare un pomeriggio “gassoso”…. molto sgradevole.
  • non ho mangiato altro,  troppo impegnata a smaltire le pessime combinazioni alimentari del pomeriggio….e sì che dovrei sapere certe cose….ma oggi ho fatto la spesa di frutta e mi faceva voglia assaggiare un po’ di tutto. Sigh.
  • Spread the love
    • parider

      Ciao miss, sapevo anche io che meloni e angurie è meglio non abbinarli ad altro.
      Ma come mai va mangiato prima se lo si vuole comunque abbinare ad altra frutta?

    • ciao Parider!
      Meloni e angurie si digeriscono rapidamente, essendo acquosi, perciò se li si mangia prima di altri cibi (e si attende almeno una mezz’oretta) si scongiura abbastanza il rischio di pessima combinazione alimentare. Mangiandoli alla fine invece, beh la cattiva digestione è garantita, dipende anche dalle quantità. Una fettina non è un problema. Io però ho esagerato 🙂

    • mi sembra un’idea molto carina, io leggerò i menu tutti i giorni con interesse visto che sono crudista part-time (ohé, se esistono i flessitariani, posso starci anche io vegan a tempo pieno e crudista part-time!)

      in quanto al melone…anche io sono stata sfortunata ma in modo diverso: a era talmente insapore che mi ha tolto la voglia di mangiare qualsiasi altra cosa e ho passato il pomeriggio con la sensazione di aver leccato della carta di riso, il che ha comportato la bevuta di 2 lt di té freddo…
      uff, questa frutta che non sa di niente!

    • parider

      E’ vero, i meloni sono più acquosi della maggior parte della frutta!
      Non ci avevo pensato, e sì che faccio spesso pasti di frutta fresca seguita da frutta essiccata con noci varie (tipo fichi secchi con mandorle) proprio perchè la frutta fresca lascia prima lo stomaco e si digerisce più in fretta!

      Per la frutta che non sa di niente erbaviola ha ragione.
      Quella biologica in genere è più saporita ma talvolta capita di mangiare frutta bio che sa di ben poco.
      A volte mangio mele buonissime ed altre volte le trovo che sanno di poco, oppure le fragole anche loro variano di molto nel gusto, quelle non bio poi non sanno di NULLA (tra l’altro non le mangio da più di un anno non biologiche).
      Magari però dipende anche dal periodo, credo che siamo agli inizi del periodo dei meloni, quelli più buoni dovrebbero esserci a giugno-luglio penso…

    • sì, il problema della frutta insipida è enorme (e nel mio caso drammatico), e spesso anche quella bio è pessima, mi spiace dirlo ma è così. Quest’anno non ho mangiato una fragola che sapesse di fragola. Però il melone di ieri era non bio ma favoloso.
      Ora sto pensando ai fichi che presto mi arriveranno in dono da amici che hanno un albero iper produttivo….aaahhhh…..(immaginatemi come Homer Simpson quando pensa al cibo).

    • Ciao Sara,

      hai avuto un’ottima idea di condividere le tue scelte alimentari per alcuni giorni, se ti ricordi, quando ti ho conosciuta, è stata una delle prime domande che ti ho posto.

      Per quanto riguarda la frutta insipida: dove sono andato ad abitare ora si trova un fruttivendolo con della frutta molto buona (le fragole sono da svenimento), ma lo sono altrettanto i prezzi, motivo per cui ho soprannominato tale fruttivendolo “La Gioielleria” 🙂

      Non ci vado regolarmente, ma almeno quando compro qualcosa lì, sò che è saporito (come per esempio anche i pomodorini ciliegini, mmmmmmmmmm…). Cmq se ti interessa: si trova in via Tasso, tra via Cappuccina e Corso del Popolo.

    • mi son trovata a passare un pomeriggio “gassoso”

      …e te credo che poi Mirtillo si vendichi sulle tue piantagioni ! 😀

      hihihihi