L’influenza

tempo di lettura 2 minuti

Oggi va meglio con l’influenza, anzi direi che è proprio passata, solo due giorni e senza medicine, non male eh?Per goderci l’ultimo giorno di ponte abbiamo deciso (anzi, l’input ce l’ha dato Thomas) di fare un bel percorso: in autobus fino a Chioggia, vaporetto da Chioggia al litorale di Pellestrina, camminata lungo il litorale fino all’estremo opposto, poi di nuovo vaporetto fino al litorale del Lido – a piedi ancora fino all’altra estremità – e poi vaporetto fino a Venezia ed infine bus per tornare a casa. Totale: circa 25 km a piedi!Siamo partiti prestino, ed alle 9.20 eravamo già a Chioggia con l’acqua alta in aumento. Abbiamo preso il vaporetto delle 10.45 al pelo, con l’acqua alta che cresceva tutto intorno a noi. La camminata lungo i litorali è stata davvero piacevole, tra mare e laguna, e la giornata, anche se grigia, ci ha risparmiato la pioggia ed anzi è stata anche piuttosto afosa. Purtroppo Jason stava incubando la sua influenza (colpa mia, l’ho contagiato) ed è stato abbastanza silenzioso. Io e Thomas abbiamo chiacchierato del più e del meno, e delle nostre esperienze da crudisti. Abbiamo pranzato appena sbarcati al lido, arance mandarini e banana per me, e poi abbiamo aperto e provato il frutto del cacao. Più che il frutto, si possono provare i semi, di polpa c’è ben poco, ma quel poco mi è piaciuto. I semi crudi e freschi sono un po’ amari, ma non mi hanno fatto un grande effetto.Siamo rientrati alle 18.00 circa, ed avevo le gambe come due blocchi di legno, anzi i polpacci, che mi facevano un gran male!Dopo una semplice insalata per cena siamo andati a letto presto, io con l’intento di leggere e Jason di dormire. Thomas ha aperto le due noci di cocco che ci aveva portato, erano semplicemente favolose, dopodichè non so come abbia fatto ma ha anche avuto la forza di andare a farsi un giro in centro Mestre un paio d’ore!

Spread the love