Il weekend dei ricordi

( tempo di lettura 3 minuti )

Dopo ben quasi 4 anni di assenza, sabato ho preso il trenino e sono tornata a Pesaro, splendida cittadina che mi ha ospitata per 4 anni, anni molto belli, molto divertenti, anche difficili, ma di sicuro indimenticabili!!
E’ stato stranissimo rivedere i posti che ho conosciuto così bene, molti sono cambiati, alcuni sono spariti…. e poi la cosa più bella è stata rivedere gli amici di un tempo, ricordare il passato, ma con gran divertimento.
E’ stato emozionante… già dal treno, dopo aver passato rimini, mi sono incollata al finestrino, in attesa delle prime meravigliose colline, quante volte ho fatto quel percorso!!
Centinaia!!
Mi sa che conoscevo le case a memoria, o quasi.

Il weekend è stato brevissimo, ma abbiamo ripercorso tutte le tappe d’obbligo: viale Trieste, la spiaggia, ovviamente ciò che rimane del mitico ristorante Il Tartaruga, e poi Radio Veronica, dove credo di aver passato buona parte delle ore in quei 4 anni!!

E’ stato fantastico rivedere tutti quanti… Sara, Luca (sabato sera mi è sembrato di essere di nuovo al Tartaruga, con te vestito da cuoco seduto al tavolo con noi!), Gabry, Cristina, e poi ovviamente Federica e Bura che mi hanno ospitata!! Grazie ragazzi!! E mi dispiace per avervi costretto a tanta verdura!!! 😀

Radio Veronica non l’ho ascoltata, mi hanno detto che non è rimasto più nessuno dei grandi speaker di un tempo, i migliori, giustamente, sono migrati altrove.
La cosa forse più buffa mi è poi successa in treno, mentre tornavo, immersa nei ricordi e nei pensieri… L’intercity era davvero pieno come un uovo, fino a Forlì sono stata in piedi appoggiata alla porta del bagno schiacciata come una sardina… a Forlì qualcosa si muove e riesco a sedermi nello scompartimento…. e noto un ragazzo seduto in corridoio… ma io questo lo conosco… accidenti… ma sono anche passati 3 anni da quando l’ho visto l’ultima volta… tanto per rimanere nel tunnel dei ricordi!!
Insomma, non ho avuto il coraggio di chiedergli se lui era proprio lui, per paura di fare una figuraccia davanti a tanta gente, ma stamattina sono andata sul sito di Carlo Flora e ho scovato la sua email, e gli ho scritto “ma eri proprio tu??”
Insomma, dopo 4 anni a Pesaro, io e il mio ragazzo di allora ci trasferimmo a Roma, ed una delle prime persone conosciute fu proprio Carlo, bellissima voce della radiofonia italiana, che ci aiutò a trovare la prima casa (infatti diventammo vicini di casa), e col quale condividemmo molti momenti… e dopo 3 anni, su un treno affollatissimo da centinaia di persone, di ritorno da un viaggio nei ricordi, non mi trovo proprio Carlo a due metri?
Mi ha risposto stamattina che era proprio lui, e anche lui pensava che io fossi io, ma anche lui non ha avuto il coraggio di chiedermelo (perchè in effetti da allora mi sono ristretta di circa 20 kg).
Che peccato non averti parlato!!!
A questo punto, il contatto è ristabilito, spero di rivederti presto!!
:-)))))

[minislides]

Spread the love

Navigazione articolo

  • Cara Sara è stato bello riaverti con noi!!!Sperando di rivederci presto un abbraccio da parte mia e di Pepe…approposito ti ringrazzio ancora per la guacamole…grandiosa!!!!:-))))
    Baci

  • Ciao Fede, grazie a voi, per la fantastica ospitalità!! E tante coccole a Pepe bello-come-il-sole! Ora la guacamole sai come farla, gli avocado ce li hai… mi raccomando fagli mangiare più verdure a tuo marito!! 😀

  • Ciao Sara! Molto carino questo tuo blog! Che pazienza che hai a scrivere tutto…. spero ci si riveda presto! Un abbraccio. Carlo Flora.

  • Ciao Carlo, ti chiamo presto, ma accidenti sono sempre in questo ufficio!!!!
    Un bacione!!!!!

  • ristretta…
    lavatrice, eh?

  • sbaglio sempre candeggio!!!!

  • Ciao Sara, scusami, non sapevo dove postarla quindi piazzo qui…
    “Zucchine marinate
    Ingredienti per 4 persone: 4 zucchine medie, limone, sale.
    Preparazione. Affettate le zucchine a rondelle molto sottili. Disponetele su un’ampia teglia, mettete succo di limone e di sale e lasciate marinare per alcune ore. Prima di servire fate scolare l’acqua in eccesso. Si gustano crude senza alcun altro accorgimento.”
    Fanne buon uso appena possibile! Baci!

  • Che ricordi!!!
    Soprattutto riaffiorati vedendo la tua foto davanti a quel “portone grigio”!!!
    Quante volte l’ho varcato, dal lontano 1997 e fino al 2005…
    Forse era giusto, dopo così tanto tempo, varcarne un altro….
    Un abbraccio e…Buona Pasqua!

  • Direi che era giusto e meritatissimo varcare un nuovo portone!! Però certo i ricordi fanno effetto… ci credi che non ho avuto coraggio di sintonizzarmi su quelle frequenze?
    Ricambio l’abbraccio, e lo estendo anche ai piccoli e a Giada!!
    Un bacione!