Il mito del mucoide

( tempo di lettura 4 minuti )

Nel mondo crudista esiste il mito dello strato mucoide, teoricamente formatosi in anni di cattiva alimentazione, che ricoprirebbe le pareti intestinali occludento i villi intestinali, e trattenendo con se tossine, rifiuti e anche parassiti. Chi dice che non esiste, chi dice che esiste, e chi dice di avere eliminato questo impaccamento di rifiuti con prodotti particolari.
Non voglio mettere qui nel blog le foto di questo orrore, perchè non voglio far star male chi è debole di stomaco, ma vi metto dei link per chi è più curioso e coraggioso.
http://www.curezone.com/image_gallery/bowelcleanse/001/

Prima ancora di pensare di fare il digiuno ero tentata di provare a fare comunque una cura depurativa con qualcuno di questi prodotti, e verificare da me l’esistenza di questo orrore. Più che altro volevo verificare se è vero che dopo aver eliminato questo strato mucoide ci si sente in paradiso, così ho ordinato il kit che in un forum crudista americano molti utenti avevano utilizzato con successo.
Questo pacco ci ha messo una vita ad arrivare, ho fatto in tempo a dimenticarmene, a decidere di digiunare e a completare i 18 giorni di digiuno. Il diciottesimo giorno, proprio quando avevo deciso di riprendere a mangiare, mi è arrivato il tutto.

Ho deciso quindi di riprendere la mia alimentazione, e poi di provare ad eliminare l’eventuale schifezza dopo qualche giorno.

Inizierò domani.

Il processo dura tre giorni, durante i quali si deve prendere la miscela di erbe indicata, e nient’altro, a parte tanta acqua.
Le miscele contengono cose come: estratto di erba di grano ed enzimi per favorire una buona popolazione batterica intestinale, estratti vegetali di carota, soia, frutto della passione, e fibre derivanti dalla palma, che dovrebbero agire proprio per eliminare la crosta trentennale. Il tutto è di provenienza biologica e realizzato senza superare i 40°C per mantenere le proprietà intatte.
In tre giorni dovrei eliminare, come è capitato a tanti, il risultato di trent’anni di spazzatura, che nemmeno il crudismo ed il digiuno sono riusciti ad eliminare. Alquanto frustrante direi.

Onestamente, non so nemmeno io perchè ho ordinato questa cosa. Forse adesso non lo rifarei più, non dopo il digiuno, ci credo anche poco alle cure erboristiche, alle cure in generale diciamo, perchè credo che l’organismo sia in grado di guarire spesso da solo se messo nelle giuste condizioni per farlo. E poi ci sono molti scettici circa la vera esistenza di questa “mucoid plaque”.
Ma ormai ce l’ho, e tanto vale verificare di persona!
Riuscirò a stare ancora meglio di quanto già non stia ora?
Non riesco nemmeno ad immaginarlo! Non so davvero cosa aspettarmi.

Nel frattempo, la mia alimentazione si è assestata. Ho notato che una dieta composta da frutta fresca (circa 10 frutti al giorno, ovvero un paio di kg), una insalata MOLTO abbondante a pranzo (composta da molte foglie verdi, vegetali misti e circa 10 olive tritate come unico condimento), e crackers di semi di lino (circa 25 gr di semi di lino) è sufficiente a farmi sentire sazia, felice e soddisfatta. Non sento il bisogno di mangiare noci, semi o frutta secca.

Il mio livello energetico è elevato, ieri mattina ho corso altri 12 km in 80 minuti assieme a Jason, poi abbiamo camminato un paio d’ore nel pomeriggio.
Domani prevedo di tornare a correre la mattina all’alba, e poi in palestra in serata.
Ancora una settimana di lavoro prima della tanto desiderata disoccupazione estiva!!

Spread the love
  • Anonimo

    più ti leggo e più aumenta la mia stima per te……buonagiornata michela

  • Sara, quante energie… O.O

  • più mi scrivi queste cose,più mi diventi strasimpatica… 😀

    Buona giornata a te Michela!
    :))

  • Si concordo perfettamente con te Alberto.
    Anche se la cosa mi lascia perplessa quanto te, non ho comunque resistito alla curiosità di voler provare… e ho come la sensazione che non accadrà proprio nulla….

  • alberto

    Capisco la tua perplessità. Il marketing farmaceutico è difficile abbia del tutto trascurato il mercato delle medicine alternative, in costante crescita di fatturato. Una rigenerazione così radicale potrebbe avere qualche debito sia con l’Esorcista n.5 che con Wanna Marchi. Ma non si sa mai. Ai posteriori l’ardua sentenza! Saluti