giorno 6….

tempo di lettura 4 minuti

Eccomi.

Ho lanciato un programma detox e ho fatto la lista di ciò in cui mi sarei impegnata, e ne ho rispettato la metà.

Torno a scrivere quindi, metaforicamente, con le orecchie basse e la coda tra le gambe 🙂

Intanto dovevo scrivere ogni giorno, fotografare quello che mangiavo, andare a correre….non ho combinato niente di tutto questo, perchè sono dovuta andare a scuola a fare un paio di lezioni, poi è venuta a trovarni Bea, poi si è messo a piovere ininterrottamente per 2 giorni, ho iniziato un corso di teatro…un caos!

Recupero un po’ in questo post e riprendo in mano i buoni propositi da subito.

Bea è partita da poco, è stata con me 3 giorni e mi ha aiutata a ripulire la dispensa di un po’ di cibarie, specialmente le molte banane congelate che avevo da tempo in freezer. Io ho cercato di limitarne il consumo privilegiando spremute e creme di mela (ho tante di quelle mele in casa che non si può credere…) ma ad una delizia come la colazione di stamattina, che vedete qui sotto, non ho potuto resistere (anche perchè ne avevo preparato una montagna e Bea era in seria difficoltà a finirla, ho DOVUTO aiutarla!!).

Gli ingredienti, se siete interessati, sono: banane congelate, burro di mandorle bianche, agave, cacao, cioccolato, spezie (qui ho usato la miscela Alles Liebe, sempre Sonnentor, che contiene fiori vaniglia e peperoncino).

Bea in questo periodo è presissima dalle attività di baratto, e frequenta assiduamente il sito zerorelativo. Infatti mi ha barattato con una ragazza di Mestre 3 miei libri che non mi interessavano più con 4 paia di orecchini decisamente carini!

Tra le tante cose fatte in questi giorni c’è da registrare l’uso abbastanza assiduo della Poderosa. Anche Bea era, come è giusto che sia, in estasi di fronte alla meraviglia tecnologica. Difatti le ho restituito parte dei 5 kg di semi di sesamo che mi aveva regalato sottoforma di tahini, ottenuto proprio con la potenza del magico vitamix in pochi minuti.

Ieri sera ho anche iniziato un mini corso di teatro, una impresa difficilissima per me, dato che la timidezza patologica che mi affligge mi ha sempre fatto vivere con terrore esperienze del genere….però il corso è gestito da una amica, e ho voluto provare la sfida. La prima richiesta della nostra insegnante è stata quella di individuare il nostro animale totem, in maniera istintiva, ed è così che ci identificheremo, e ci chiameremo,  in tutta la durata del percorso. Io ho immediatamente pensato ad uno scoiattolo. E’ timido, sempre indaffarato, va in letargo d’inverno e si ciba di nocciole e fruttini. Sono decisamente io! Non notate una incredibile somiglianza??

scoiattolo

Tornando a parlare di cibo, in questi giorni mi sono nutrita di enormi insalate, tipo questa:

CIMG3524

oppure di tantissime spremute, tipo questa:

CIMG3523

tuttavia cercherò di essere più precisa nella descrizione dei miei pasti, soprattutto più metodica….

Dunque, tornando ad oggi, ho fatto colazione con Bea con la crema cioccolatosa di cui sopra. Ora ho giusto due ore prima di andare a lavorare, il che significa che di correre oggi non se ne parla perchè fuori piove, devo sistemare delle cose in casa, perciò il massimo che riuscirò a fare sarà un pranzo a base di succo di mela, e forse una cena altrettanto simile.

Domattina, invece, niente scuse: avrò tutto il tempo di un bel giro al parco.

Spread the love

Navigazione articolo