Evviva l’estate

tempo di lettura 4 minuti

immag000.jpg

Quello che si vede nella foto è Simon Le Bon mentre canta probabilmente Wild Boys (fidatevi :))

Domenica ho “consumato” il regalo di compleanno che mi avevano fatto le mie amiche (grazie ragazze!!), ovvero il biglietto per il concerto dei Duran Duran, che ho visto con Barbara, ed è stato proprio tanto bello. Quando ero ragazzina, lo ammetto, non ero una fan dei Duran, tuttavia le loro canzoni rappresentano inevitabilmente la colonna sonora della mia adolescenza. Risentire canzoni come Save a Prayer mi ha riportato indietro di circa 20 anni, i ricordi della scuola, delle feste dei 15 anni… bellissimo… il concerto, oltretutto, si è svolto a Jesolo, in spiaggia, sulla sabbia, e io e Barbara eravamo proprio sotto il palco, e si è anche messo a piovere mezz’oretta, aumentando il fascino della serata bello bello bello!!!

Tra le altre cose belle che ho fatto c’è stato l’acquisto di una centrifuga. Il mio Green Star, l’estrattore di succhi, ha un pezzo rotto che probabilmente sarà costoso da riparare, così per la bellezza di 35 euro ho acquistato una nuova centrifuga e mai avrei potuto fare cosa più saggia. Non è efficace come il Green Star, di sicuro… ma in 2 minuti la monto, la smonto e la lavo… prima ci voleva mezz’ora per incastrare i pezzi e poi la pulizia… un suicidio. Risultato: la usavo una volta ogni 5 mesi. Ora invece 3 volte al giorno 🙂 ed è un vero piacere perchè porto a casa dal negozio un sacco di vegetali un po’ di scarto per poter essere venduti, ma perfetti per finire centrifugati. In conclusione, sto facendo il pieno di succhi di carota, mela, limone, pompelmo, pesca… quasi un litro al giorno. Slurp!

Ho pensato di utilizzare il box a lato per scrivere, tra una idiozia e l’altra, anche quello che mangio, quando mi ricorderò di aggiornarlo. Questo perchè molti mi scrivono chiedendomi cosa mangia un crudista, e allora, visto che da molto non racconto più cosa mangio, terrò un piccolo diario per chi è curioso.

In realtà un crudista può avere stili di vita molto differenti. Io da tempo sono rimasta affascinata dall’811, che però non ho ancora sperimentato.

Che roba è l’811?

E’ un piano ideato e studiato dal Dr. Douglas Graham, il quale sostiene che l’alimentazione più adatta all’uomo è quella prevalentemente fruttariana, essendo l’uomo frugivoro, con piccole quantità di frutta secca. Questa alimentazione idealmente dovrebbe apportare l’80% delle calorie da carboidrati, il 10% da proteine e il 10% da grassi. Non è semplice stare così bassi coi grassi. Graham sostiene che ogni volta che ci viene voglia di mangiare qualcosa che non va bene, ogni volta che ci viene voglia di sgarrare, è perchè non abbiamo mangiato frutta a sufficienza. Beh, ha ragione. Mangiando tanta frutta, non viene voglia di mangiare altro. E l’energia rimane a livelli stellari.

Tuttavia, dicevo, non è così facile. Oggi infatti, dopo aver predicato bene, ho razzolato male. Ho scoperto il latte di cocco, forse anzi probabilmente non è nemmeno crudo, ma frullato con le banane congelate e un po’ di cacao… beh… è indescrivibile…

Perlomeno, stanotte non dovrò alzarmi 27 volte come la notte scorsa, dopo aver cenato con mezza anguria…

PS la scatolina a lato stasera non funziona… allora lo scrivo qua sotto…

Il 24 luglio ho mangiato, bevuto e sudato….
1 quarto di anguria – 500 ml di succo di carota, mela e limone – innumerevoli banane, probabilmente 7 -3 pesche e 3 susine – una manciata di pomodorini  – frullato di due banane congelate, 1 cucchiaio di cacao, 3 cucchiai di latte di cocco e acqua – 1 litro di acqua – 1 caffè – 45 minuti di ellittica

Spread the love