Essiccatore

( tempo di lettura 3 minuti )

Essicatore

In risposta a Roberta, e a tutti coloro che mi chiedono perplessi cosa sia un essiccatore, ecco a voi l’aggeggio in questione. Assolutamente non necessario nella dieta crudista, ma indubbiamente molto utile, permette di divertirsi nella creazione di biscotti, polpette, crackers, e chi più ne ha più ne metta.

Dove comprarlo non so, io l’ho ereditato da Jason, probabilmente su internet.

Non ho parlato dei miei buoni propositi per il 2006. Il mio impegno nel diventare superfit continua, più che impegno lo chiamerei massacro. Quest’anno VOGLIO essere in formissima, non voglio avere il fiatone quando corro, non voglio più vedere ciccia inutile. E quindi devo implementare ciò che già faccio.

La mia settimana lavorativa è più o meno costituita in questo modo:

sveglia ore 6.00 – 30 minuti di esercizi di tonificazione con pesetti + 40 minuti di ellittica guardando Star Trek in lingua originale, nel tentativo di migliorare anche l’inglese nel frattempo – doccia, frullato velocissimo, vestiti già pronti ed organizzati dalla sera prima per risparmiare tempo, sacchettino di frutta già pronto da portare al lavoro.

partenza ore 8.00 – 20 minuti di bici per raggiungere l’ufficio.

inizio pausa pranzo ore 12.30 – pedalata a casa per il pranzo, altri 20 minuti – l’insalata è già pronta dalla sera prima, segue frutta per dessert.

fine pausa pranzo ore 13.40 – pedalata di ritorno in ufficio.

uscita dall’ufficio ore 18.00 – A casa tuta, scarpe, ipod, etc, tutto già pronto sulla sedia, in attesa di essere indossato per la corsa, così non perdo tempo. Da questa settimana inizierò ad alternare lo spinning alla corsa.

Alla sera vado a trovare i miei, oppure sto a casa, di solito al telefono con qualche amica, chatto con Jason, mi organizzo per il giorno seguente. Raramente esco con gli amici perché non ho proprio il tempo. Nel finesettimana invece dormo di più e faccio le cose con più calma. Ogni tanto pulisco anche casa.

Meno male che vivo da sola!! Non ho il tempo di rivolgere la parola a nessuno!! E comunque se un giorno buco la ruota della bici o mi cade l’insalata e devo rifarla, tutto il programmino svizzero va a farsi benedire!

I primi giorni è stata dura rispettare il programma, a causa della mostruosa quantità di acido lattico accumulata, insomma avevo due gambe come due tronchi, ma già oggi le cose vanno molto meglio. Stasera farò una lezione di prova di spinning, più che altro per variare e per fare qualcosa di gruppo, altrimenti mi annoio sempre da sola.

Dal punto di vista alimentare, sono nella fase arance a più non posso. Mangio quasi solo quelle. Probabilmente sono bioniche!

Alla prossima!!

Spread the love

Navigazione articolo

  • Accipicchia Miss..ci dai sotto!!
    Lo so che una volta entrati nella routine, e una volta superata la fase “paralitica” da acido lattico il corpo e la mente rispondono bene, benissimo all’esercizio fisico, ma e’ dura ricominciare!!
    Vabbe’ intanto la settimana scorsa mi sono informata per delle classi di cycling/spinning ..almeno se c’e’ qualcuno che mi urla e mi sprona , magari mi sforzo…o forse no;-)

  • Ehy.. ma che bella ragazza che vedo la’..ma chi e’? 😉

  • Accidenti Slimm…sono sopravvissuta alla prima settimana…andrei in ferie adesso :-))
    Hai ragione, le classi (uhmm…forse in italiano non è come in inglese, si dirà corsi? Non me lo ricordo più!!) sono un ottimo incentivo! E se fai spinning, non dimenticarti come me dei pantaloncini imbottiti…..che doloreeeee!!

  • In che senso i pantaloncini imbottiti? Le mie gambe sono GIA’ imbottite!!! Ma davvero?

  • MI sa che si dice “corso di spinning” non classe;-)

  • si forse è corso ahahah

    anche se le gambe sono imbottite (e pure le mie lo sono!!!) dopo 1 ora su e giù dal sellino si comincia ad avvertire un indolenzimento, che peggiora il giorno dopo, proprio dove la massa cicciosa s’appoggia al sellino…io ho scovato una mutanda speciale imbottita…e meno male che il mio ragazzo non vive con me e non mi vede!!!

  • ah si, le arance bioniche… ci hanno fatto un film tanti anni fa, mi pare che si chiamasse… “arancia meccanica”!