Dopo tantissimo tempo

tempo di lettura 4 minuti

wow rieccomi, dopo tantissimo tempo!!Che ho fatto in questo periodo?Beh più o meno sempre il solito. Oltre al mio lavoro di educatrice, ho ripreso anche il lavoro di tutor per l’apprendistato, lo stesso che facevo circa un anno fa.Dovrei terminare a giugno con entrambi, e mi sono pentita di aver accettato il lavoro di tutor. A parte lo stress, la responsabile, di cui ero piuttosto amica fino allo scorso anno, è impazzita. E’ in una situazione di stress ed ha maggiori responsabilità in questo periodo, però ci sta trattando tutte malissimo, è arrogante, insopportabile, e anche molto imprecisa nel lavoro, ma i suoi errori vengono poi fatti scontare a noi. Insomma, ormai sono invischiata in questa cosa e la porto a termine, però…Sono anche un po’ in crisi con il lavoro di educatrice. Ho iniziato ad uscire nelle aziende agricole coi bambini che in questi mesi ho incontrato in calsse. La scorsa settimana abbiamo visitato una stalla, una stalla modello oltretutto, ma io sono rimasta scioccata! Lo sapevo che mi sarebbe capitato ma credevo di resistere meglio alla situazione: una situazione di sfruttamento animale, con molti bambini eccitatissimi ma non in grado di capire cosa stavano vedendo. Sto ancora cercando di capire come mi devo comportare. I bambini, anche se piccoli, hanno già un atteggiamento antropocentrico impressionante, anzi direi bambinocentrico, perchè tutto è fatto in funzione loro, tutto è giustificato per loro. Possono rompere, maltrattare, sporcare, gridare…perchè in fondo sono bambini e devono potersi esprimere.Noto che la prima enorme difficoltà riguarda le maestre. Non possono dire o fare nulla ai loro alunni, pena ritrovarsi addosso le ira dei genitori in difesa dei loro angelici pargoli. I bambini, che stupidi non sono, sanno benissimo che possono fare qualunque cosa vogliono, perchè, in fondo, non riceveranno mai nessun tipo di punizione. E’ molto difficile educare un pubblico come questo al rispetto degli altri, dell’ambiente, e degli animali.A 6 anni spesso non rispettano l’insegnante, nè l’istituzione scolastica, e forse nemmeno i genitori. In fattoria devo stare attenta che qualcuno di loro non faccia del male agli animali, come faccio a far comprendere loro che questi esseri sono tenuti prigionieri, schiavizzati, esclusivamente per servire noi umani? A dire il vero non posso nemmeno nominare questi concetti, devo mantenermi molto più “politically correct”, e la cosa è davvero difficile. Mi sto chiedendo se è giusto che io faccia questo lavoro, l’unica cosa che mi da coraggio è il pensiero che se non lo facessi io lo farebbe qualche promotore dei benefici del latte, del formaggio e degli allevamenti in genere. Per ora tiro avanti fino a giugno, e poi vedrò se continuare.Jason sta cercando lavoro in inghilterra, ha deciso definitivamente che odia insegnare inglese, e che qui in Italia le condizioni lavorative e gli stipendi sono pessimi, e che non vale la pena rimanere. Se troverà lavoro e si trasferirà, ovviamente dovrò anche considerare l’ipotesi di uno spostamento nel regno unito. Vedremo!Dal punto di vista della dieta, in questo periodo sono prevalentemente fruttariana, sarà l’effetto della primavera imminenete ma sento il bisogno di mangiare molta frutta. Ieri ho trovato le prime fragole bio, non proprio gustosissime ma una piacevole variante comunque!Inoltre abbiamo avuto l’opportunità di acquistare da un signore, che ha una bellissima fattoria biologica e dal quale andiamo ogni tanto a fare acquisti, ben 10 chili di avocadi provenienti da un suo amico siciliano!! il tutto a 2 euro il chilo, contro i 7 euro degli avocadi spagnoli che troviamo al negozio! Questi sono piccolini, ma davvero buonissimi, e quindi ci stiamo concedendo il lusso di mangiarci anche 2 avocadi al giorno anzichè il solito quarto di prima. Beh, io ne mangio talvolta due al giorno…Jason se ne fa fuori 5 o 6!!Oggi pomeriggio abbiamo guardato in DVD il film di Michael Moore “The Corporation”.MOLTO interessante. Copio ed incollo di seguito una brevissima recensione, e vi raccomando di vederlo!”The corporation contiene molti scoop giornalistici come le prove inedite del coinvolgimento dell’Ibm nella gestione dei campi di sterminio nazisti.Rivela l’autocensura dei Tg della Fox sullo scandalo del latte contaminato, soffocato dai ricatti e dalle minacce delle case farmaceutiche Usa.Espone alla gogna l’inaudito brevetto biogenetico su sementi sterili appositamente studiate per perpetuare la dipendenza dei contadini indiani dalla Monsanto.

Spread the love