bianco natale

Picture 21 dec 011

( tempo di lettura 4 minuti )

mentre tutti dormono ancora, io mi sono ritrovata con gli occhi spalancati alle 5 stamattina… alla fine mi son decisa ad alzarmi, ha smesso di nevicare ma ieri sono caduti circa 60 cm di neve in 15 ore. I negozi erano chiusi per la maggior parte, le strade bloccate, e a quanto pare si e’ trattato di una perturbazione eccezionale. Insomma aspettavano me.
Non siamo usciti con gli amici di Steven, arrivare a Denver con le strade in quelle condizioni era da suicidio, forse ci riproviamo stasera. Ci siamo bardati per bene e siamo usciti a fare la spesa, altra impresa difficile perche’ i negozi erano quasi tutti chiusi per via del tempo. Alla fine abbiamo trovato aperti i due negozi bio, il primo gigantesco per i miei standars, il secondo immenso, una mega supermercato con addirittura la sezione crudista. Mi si e’ scatenato un istinto consumista che non credevo di avere, ma per fortuna Steven e’ un uomo spartano e mi ha tenuta a bada un pochino. Il mega cookie crudo pero’ ho douto prenderlo, per la modica cifra di 5 dollari, ma era davvero gigante, a base di frutta secca e cioccolato. Ad ogni modo credo di sapere come riempire la mia valigia mezza vuota al ritorno.
Dicevo di Steven uomo spartano… siccome e’ ossessionato dalla forma fisica, e in questi giorni non puo’ dedicare le solite due o tre ore al kung fu perche’ la scuola e’ chiusa, ha voluto andare a fare la spesa a piedi, e la cosa a me andava benissimo. Non sapevo pero’ della sua idea di tagliare per strade secondarie non ancora liberate dalla neve, quindi abbiamo camminato 1 ora circa facendoci strada e sprofondando in 60 cm di neve fresca, con la bufera intorno. Per fortuna sono partita ben organizzata, e i miei scarponi da montagna che ancora uso da quando ero scout (17 anni) hanno fatto un magnifico lavoro di tenuta termica e idrica. Il problema piu’ grosso si e’ presentato al ritorno, dato che avevamo due bustone di carta giganti con la spesa da portare. Steven ha esordito dicendo che sarebbe stato il nostro allenamento per il giorno, portare bustoni di carta pesanti affondando nella neve fresca con la tormenta attorno, io gli ho risposto che era un uomo fortunato perche’ se lo avessi strozzato non avrei avuto un posto dove rimanere, e solo questo mi fermava. Dopo poco ha realizzato anche lui che l’impresa era piu’ ardua del previsto, abbiamo quindi lasciato le nostre cose nella sua scuola shaolin a pochi passi dai negozi e siamo tornati poi a recuperare il tutto con la macchina, slittando non poco nonostante fosse una gippona 4×4. Ieri ha preparato da mangiare Steven, oggi tocca a me. Ieri abbiamo mangiato una insalata invernale a pranzo, a base di carote, bietole rosse, cavolo nero, cavolfiore, zenzero, patate dolci, e altre due radici che non conosco, il tutto grattato finemente e condito con olio di oliva, dulse, aceto di mele e un po’ di sciroppo di agave. A cena Steven ha voluto cucinare delle verdure alla thailandese, con latte di cocco e pasta di curry, col riso basmati. Ne ho assaggiato un po’, era piccante da stare male, ho concluso col biscottone crudista e due bicchieri di kombucha al mango.

Dimenticavo, potete vedere alcune foto su http://www.flickr.com/photos/saraslife/

PS ho notato che quando scrivo faccio molti errori ma faccio fatica ad usare la tastiera inglese..

Spread the love

Navigazione articolo

  • (LA)bura

    Notizia su tutti i siti internet: COLORADO SOTTO LA NEVE

    Aeroporti, autostrade e negozi in tilt
    Un’intensa tempesta di neve si è abbattuta su tutto il Colorado facendo cadere oltre 60 centimetri di precipitazioni, sufficienti per far chiudere l’aeroporto di Denver e bloccare migliaia di passeggeri in partenza per le vacanze di Natale.
    LA TELEVISIONE LOCALE HA DETTO CHE SI E’ TRATTATO DELLA TORMENTA DI NEVE PIU’ INTENSA CHE HA INVESTITO IL PAESE DAL 2003 (fonte TGCOM)

    beh…complimenti sara!! ahahahahah

  • iana

    Tu hai davvero un talento per raccontare le cose.
    Ti prego trova un angolino di tempo per tenerci informati.
    ho ancora le lacrime agli occhi dalle risate per la tua versione di the terminal.

  • Ho visto le foto e non ho potuto fare a meno di notare l’acqua SAN PELLEGRINO. E’ incredibile… anche qua in Australia e’ praticamente OVUNQUE !!!! Mi affascina quanto sia grande il mercato di quella azienda ….

  • Doni

    A parte il fatto che non capisco cosa c’entri l’acqua S. Pellegrino con i whole foods (perlomeno in Italia in questo tipo di negozi vendono altre marche, ma, si sa, l’italia è unica in quanto ad acqua minerali), nutro un’invidia pazzesca per questo meganegozio bio per non parlare della sezione raw foods! Ma, a pensarci bene, le dimensioni piccole sono logicamente più adatte alla filosofia bio…come pure al bio sono decisamente inadatte le cameriere bio con capelli blu! 🙂

  • Anonimo

    Ah ah ah ah ah ah!!!!!! Meno male che ti sei portata le scarpe con i tacchi, oltre all’equipaggiamento da neve…:-)

  • Doni

    Ehm, l’anonimo di cui sopra ero io…scusa!

  • Doni

    Ma davvero la cena era “cucinata”? ossia on crudista?