80-10-10

tempo di lettura 3 minuti

Tempo di aggiornare questo blog direi… mentre scrivo mi sto ascoltando l’album degli Arcade Fire, per “allenarmi” per il concerto di stasera a Ferrara. Li ho scoperti da poco ma mi piacciono molto, se ne volete un assaggio ecco qui… http://www.youtube.com/watch?v=Iz-WDk7Tbsc
Speriamo che il tempo tenga, oggi è un po’ così. E’ da una vita che non vado a Ferrara, città che oltretutto mi piace molto.
In questi giorni, vi dicevo, sto leggendo tra le altre cose un nuovo libro sul raw food, quello che vedete qui in alto.
Nulla di nuovo, ma è sempre interessante avere tutti i concetti messi assieme in un testo anzichè sparpagliati in vari link sul web, o in mezzo ai ritagli che ho accumulato nel tempo nel mio faldone “ALIMENTAZIONE”, ormai un caos ingestibile.
Ad ogni modo il bravo dottor Graham sostiene che una dieta ideale per un crudista dovrebbe essere costituita da un 80% di carboidrati, un 10% di proteine ed un 10% di grassi, percentuali calcolate sulle calorie giornaliere.
Concetto avvalorato da numerosi studi, osservazioni, e sperimentazioni durate un ventennio sui suoi pazienti e praticate da lui stesso.
Sono assolutamente d’accordo con questa teoria, non è un caso che chi è crudista da un certo tempo tenda oltretutto ad avvicinarsi a queste proporzioni in modo naturale. E’ l’organismo stesso che porta a fare certe scelte man mano che si depura.
Io, devo dire, ci devo ancora arrivare. La mia alimentazione consiste ancora di troppa frutta secca, come spesso ho scritto, però ho deciso di provare seriamente a migliorare.
Vi copio, a titolo di esempio, un menu consigliato dall’autore per una giornata d’estate, cosicchè possiate farvi una idea delle quantità:

COLAZIONE
2 kg di anguria

PRANZO
1/2 kg di banane
1/2 kg di pesche

CENA
1/2 kg di mango con succo di 1 lime
250 gr di mango frullato con 250 gr di pomodori
1/2 kg di lattuga con 400 gr di altri vegetali misti (pomodori, cetrioli, peperoni…). Condire con la salsa di mango e pomodoro eventualmente, e 2 cucchiai di tahini.

Una giornata simile fornisce circa 2000 calorie e non fa certo patire la fame.
La mia difficoltà al momento sta però nel ridurre la frutta secca, come dicevo, e nel mangiare mezzo chilo di foglie verdi… avete presente quanta roba è? TANTA! L’unica è ricominciare a fare i miei frullatoni verdi.

Comunque, per oggi ho fatto colazione con un frullato di 2 banane surgelate e 2 banane fresche e cacao, con una manciata di goji berries.
Ora quasi quasi mi preparo un frullato di lattuga, ananas e pesche, mi suona bene.

Spread the love

Navigazione articolo